I medici specializzandi hanno il diritto alla copertura assicurativa presso l'Inail -

Vai ai contenuti

Menu principale:

APPROFONDIMENTI > AGGIORNAMENTI

I MEDICI SPECIALIZZANDI HANNO IL DIRITTO ALLA COPERTURA ASSICURATIVA PRESSO L'INAIL

La recente decisione della Corte di Cassazione - la sentenza n. 443/2021 - ha affermato che i medici specializzandi, in caso di infortuni connessi all'attività assistenziale svolta nella struttura sanitaria, hanno il diritto alla copertura assicurativa presso l'Inail.

 
Chiariscono i giudici di legittimità che la normativa in materia di contratti di formazione specialistica prevede che l'azienda sanitaria presso la quale il medico in formazione specialistica svolge l'attività formativa provvede, con oneri a proprio carico, alla copertura assicurativa per i rischi professionali, per la responsabilità civile contro terzi e gli infortuni connessi all'attività assistenziale svolta dal medico in formazione nelle proprie strutture, alle stesse condizioni del proprio personale.

Nello specifico, la copertura assicurativa relativa all'attività dei medici in formazione specialistica si rapporta in modo differenziato, distinguendo tra l'assicurazione obbligatoria per l'anzianità e l'invalidità e l'assicurazione per i rischi connessi alla concreta attività svolta.

Ed infatti, sussiste l'obbligo per l'Università che stipula il contratto formativo, considerata ai fini previdenziali alla stregua del committente nei rapporti di para subordinazione, di effettuare il versamento della contribuzione in favore del medico specializzando presso la gestione separata dell'Inps di cui all'art. 2, comma 26, della L. n. 335/1995, in relazione all'assicurazione per invalidità e vecchiaia.

Al contempo, è previsto a carico dell'azienda presso la quale è resa la prestazione assistenziale l'obbligo di assicurazione per i rischi professionali, per la responsabilità civile contro terzi e per infortuni.

Tale necessaria relazione sistematica con il centrale principio costituzionale della universalizzazione delle tutele, si legge nella sentenza, fa sì che la posizione dei medici specializzandi, all'interno dell'unico ambiente ospedaliero ove opera il resto del personale sanitario appartenente alla medesima azienda sanitaria, non possa sfuggire alla copertura assicurativa pubblica nel campo infortunistico, la cui gestione è affidata all'Inail.
Per maggiori informazioni sull'argomento
inviaci la Tua richiesta online






 
STUDIO CORAPI AVVOCATI
info@studiocorapiavvocati.it
Tel./Fax: 0967/620019
Mobile: +39 348/3546256
Via Casilina n. 394 - 00176 ROMA
Via S. Martino n. 3 - 88068 SOVERATO (CZ)
P.I: 10334211009
Torna ai contenuti | Torna al menu